Incentivi fiscali per lo studio dentistico

Incentivi fiscali per lo studio dentistico

7 Dicembre 2021 0 Di Ilary

La chiusura dell’anno è alle porte e tutti i professionisti – inclusi dentisti ed odontoiatri – sono alle prese con una seppur approssimativa stima dei fatturati raggiunti, oltre che con la valutazione di possibili investimenti grazie ai quali garantirsi, in seconda battuta, un risparmio dal punto di vista fiscale. D’altronde, le forniture odontoiatriche rappresentano anche lo strumento imprescindibile per offrire ai propri pazienti un servizio impeccabile, ad alto apporto tecnologico ed indiscutibilmente al passo coi tempi. Approfondiamo dunque assieme il tema degli incentivi fiscali per lo studio dentistico, e vediamo come trarre profitto ad un eventuale investimento sul fronte delle attrezzature.

Incentivi fiscali per lo studio dentistico: Bonus Sud 2020

Il Bonus Sud 2020 è un incentivo volto ad offrire un cospicuo sgravio fiscale ad un’ampia rosa di imprenditori ed imprese. Prorogato dalla Legge di Bilancio 2020, il Bonus consiste in un credito d’imposta a favore di tutte quelle imprese che – aventi sede nelle regioni del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo) – scelgono di acquistare attrezzature e strumentazioni entro il 31 dicembre del 2020. In particolare, per le piccole imprese quali gli studi dentistici, il credito d’imposta ammonta al 45%.

LEGGI ANCHE  Come fare un pacco regalo

Avviso Titolo II Capo 3, un incentivo per chi opera in Puglia

Un altro interessante incentivo pensato per le piccole-medie imprese e per i liberi professionisti è offerto dall’Avviso Titolo II Capo 3. Questo incentivo è rivolto ai professionisti operanti all’interno della regione Puglia e prevede una sovvenzione diretta pari al 20% dell’importo dell’investimento oltre ad un contributo in conto interessi sul finanziamento stipulato con l’istituto di credito. L’importo investito non deve essere inferiore ai 30mila euro, orientate a:

  • acquisto di suolo aziendale
  • lavori di riqualificazione del suolo aziendale o di ristrutturazione (riqualificazione o ampliamento di immobili)
  • acquisto di macchinari, impianti oppure attrezzature;
  • miglioramento delle misure di sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • spese per la progettazione ingegneristica delle azioni sopracitate;
  • spese per l’acquisto di strumentazioni informatiche purché funzionali al business.

Forniture odontoiatriche al passo coi tempi: una scelta lungimirante per rilanciare il proprio business (e risparmiare)

Gli incentivi fiscali per lo studio dentistico rappresentano dunque un’eccellente opportunità per rinnovare le proprie attrezzature, dare nuova linfa alla propria attività e, perché no, introdurre nuovi servizi ad alto apporto tecnologico. L’importante è servirsi presso un fornitore di prodotti odontoiatrici dotato di ampia e comprovata esperienza nel settore e, perché no, operante se possibile sul proprio territorio, così da instaurare con lui un rapporto costante, basato sul giusto mix di professionalità, stima e fiducia.

LEGGI ANCHE  Primark shopping online, cosa trovare su Amazon