Dropshipping in Italia, come funziona e come guadagnare

Dropshipping in Italia, come funziona e come guadagnare

24 Giugno 2021 0 Di Ilary
Condividici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •  

Il dropshipping è una tipologia di vendita online molto particolare grazie alla quale si possono vendere merci senza avere alcun magazzino. Vediamo dunque come funziona il dropshipping in Italia, se e come funziona, e se davvero è possibile fare del dropshipping una fonte di guadagno. 

Cos’è il dropshipping e come funziona

Il concetto che sta alla base del dropshipping è quello di non comprare mai la merce che si intende vendere. Il venditore infatti non avrà mai magazzino, e anzi, comprerà la merce solo dopo averla venduta. Di fatto, è una sorta di tramite. Niente magazzino, niente soldi anticipati, poche mosse e il guadagno è sempre sicuro, senza alcun rischio sotto il profilo economico. Interessante no?

Quali sono le responsabilità di chi vende in dropshipping?

Chi vende in dropshipping dovrà dunque essere abbastanza preparato sul fronte marketing. La preparazione in ambito marketing gli darà la possibilità di mettere a punto una serie di strategie promozionali per vendere opportunamente i prodotti ed al massimo delle sue possibilità. Questo sarà il suo punto di forza.

Come funziona nello specifico la vendita in modalità dropshipping

  1. Il cliente paga il prodotto che tu hai messo nel tuo sito in vendita a prezzo di listino per il pubblico (esempio, 100 euro)
  2. Tu acquisti il prodotto dal tuo fornitore (esempio 80 euro)
  3. Il prodotto viene spedito dal fornitore al tuo cliente (non devi occuparti di logistica o spedizioni)
  4. Tu incassi il tuo margine di guadagno (20 euro)

Non dovrai occuparti di logistica, pacchi, spedizioni, pacchi che non arrivano, che tardano e via dicendo. Tutto questo è responsabilità del tuo dropshipper.

Vantaggi per chi vende in dropshipping

  • possibilità di avviare un business con un investimento modesto
  • possibilità di gestire tutto in autonomia (non servono dipendenti)
  • non è necessario avere un magazzino, basta il proprio ufficio o postazione di lavoro

Possibili svantaggi del vendere in dropshipping

  • se non sei esperto di marketing, potresti avere costi elevati per un esperto marketing oppure per strategie pubblicitarie a pagamento (come le inserzioni sponsorizzate sui motori o sui social) che potrebbero finire per “mangiarsi” il tuo margine
  • i margini di guadagno non sono molto elevati
  • trovare un fornitore che lavora poco seriamente, non aggiorna costantemente le disponibilità in magazzino (e dunque rischi di vendere un prodotto che non è più disponibile) o non è in grado di spedire in modo affidabile (è lento, usa corrieri poco sicuri…). Questo si ripercuote sulle tue recensioni.
  • incappare nella noiosa burocrazia dei dazi doganali, che rallentano le consegne e spesso comportano spese extra per i tuoi clienti, che è probabile non torneranno a comprare da te

Cosa esigere dal proprio fornitore/dropshipper

  • nessuna fee d’ingresso per entrare nel business
  • possibilità di ricevere anche voi i codici tracking delle spedizioni
  • magazzino sempre aggiornato in tempo reale e sincronizzato con il vostro ecommerce
  • politiche di reso conformi alla legge
  • nessun corriere troppo economico
  • nessuna pubblicità trasversale nei confronti dei vostri clienti (per esempio volantini del suo shop nei vostri pacchi).

Un consiglio finale prima di avviare un’attività di dropshipping in Italia

  • Fate un’analisi di mercato prima di buttarvi nell’impresa
  • Raccogliete più dati possibile e analizzateli a dovere
  • Informatevi bene sul dropshipper che scegliete

 


Condividici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
  •