Linfonodi ingrossati: quali sono le cause?

Linfonodi ingrossati: quali sono le cause?

18 Marzo 2022 0 Di Mel

I linfonodi ingrossati possono sorprenderci e trovarci impreparati durante una visita medica o durante una ecografia. Una “sorpresa” alla quale non eravamo preparati. A volte sono sintomo di una infezione virale o batterica ma possono anche avere a che fare con una malattia autoimmune che non sapevamo di avere. O, ancora, possono essere strettamente legati all’assunzione di farmaci. Alcuni antiepilettici per esempio possono portare con sé un ingrossamento dei linfonodi.

Quali linfonodi possono essere ingrossati?

I linfonodi che possono essere ingrossati possono essere vari. Principalmente, sono quelli situati sotto le ascelle, nell’area inguinale, sul collo, sotto il mento. A volte l’ingrossamento può essere associato ad altri sintomi come dolore al tatto (o semplicemente sensibilità). Altre volte ad altri sintomi come febbre, mal di gola, gonfiore , sudorazione notturna e altri.

Quali malattie causano i linfonodi ingrossati?

Le malattie che possono causare i linfonodi ingrossati sono diverse. Ne citiamo alcune, ma vi ricordiamo sempre che è fondamentale rivolgersi al medico per una visita e per eventuali esami diagnostici. Ecco le malattie che causano i linfonodi ingrossati:

  • l’AIDS
  • l’artrite reumatoide
  • un ascesso dentale
  • un’infezione da streptococco
  • la cellulite
  • la leucemia
  • un linfoma
  • il lupus eritematoso sistemico
  • tumori o eventuali metastasi tumorali
  • la mononucleosi
  • il morbillo
  • l’otite
  • la parotite
  • la rosolia
  • la toxoplasmosi
  • la sifilide
  • la tubercolosi
LEGGI ANCHE  Come fare gli sticker animati

Non sempre i linfonodi ingrossati sono causati da una patologia. Anche un deodorante particolarmente aggressivo, la ceretta, il caldo e il sudore o un mal di gola possono esserne la causa, solo per fare qualche esempio tra i più banali.

Linfonodi ingrossati, rimedi

Se i linfonodi ingrossati sono causati da una patologia è evidente che bisogna rivolgersi al medico e procedere con un percorso diagnostico e terapeutico mirato. Ma ci sono anche dei piccoli rimedi casalinghi che possiamo mettere in atto per aiutare a lenire i sintomi dei linfonodi ingrossati. Questi rimedi possono esserci utili in alcuni casi, meno utili in altri. Dipende ovviamente dalla causa dei linfonodi ingrossati. 

I rimedi per i linfonodi ingrossati possono essere:

  • riposo: anche il riposo è sempre molto utile, perchè se il nostro organismo ci sta segnalando che qualcosa non va, vuol dire che ha bisogno come minimo di un po’ di riposo
  • assunzione di antidolorifici
  • impacchi caldi topici

Ovviamente i rimedi dipendono strettamente dalla causa. Se il problema è virale, sarà necessario che il virus sia sconfitto ed eliminato dal corpo. Se è batterico, sicuramente il medico prescriverà degli antibiotici. Se si tratta di un’altra patologia, andrà ovviamente trattata la patologia come necessario.

Linfonodi ingrossati: quando chiamare il medico?

Come detto, se si verifica occasionalmente un episodio di linfonodi ingrossati, può essere che la causa sia un mal di gola, un deodorante aggressivo, la sudorazione. Ma se non siamo certi della causa e se il problema persiste, è bene rivolgersi al medico. Se non abbiamo idea del perchè i linfonodi sono ingrossati e cosa ha causato questo sintomo, e in più sperimentiamo febbre, dolore, sudorazione notturna o altri sintomi, è bene chiamare il medico. Ed eseguire gli opportuni approfondimenti.

LEGGI ANCHE  Come fare un pacco regalo